SECONDO PASSO

IL SECONDO DEI 5 PASSI PER REALIZZAZIONE DI SZ (dalle Linee-Guida di SZ, anno 2013)

La classe, la scuola, l’Istituto

L’itinerario di realizzazione di Senza Zaino parte dalla classe in quanto cuore dell’organizzazione scolastica, per poi progressivamente coinvolgere la scuola e infine l’Istituto e il territorio. Per realizzare questo percorso, si propongono in successione 5 passi, che in realtà sono da considerarsi nella loro circolarità e interconnessione: l’uno infatti richiama l’altro.

  • Primo passo: organizzare gli spazi, dotarsi di strumenti e tecnologie didattiche
  • Secondo passo: organizzare e gestire la classe, differenziare l’insegnamento
  • Terzo passo: progettare, valutare e organizzare le attività didattiche, sviluppare i saperi e la cultura
  • Quarto passo: gestire la scuola-comunità in un istituto–rete di comunità
  • Quinto passo: coinvolgere i genitori, aprirsi al territorio.

Secondo passo – Organizzare la classe, differenziare l’insegnamento

L’ordine e l’organizzazione:

  1. l’ordine e l’organizzazione a livello micro (scrittura, quaderni, cartelle, ecc.) e a livello macro (aree di lavoro, scaffalature, spazi scolastici in genere, ecc.)
  2. il sistema delle responsabilità (incarichi e ruoli degli alunni)
  3. l’uso e la condivisione degli strumenti didattici

Le istruzioni per l’uso: dalle regole alle procedure:

  1. gli aspetti organizzativo-didattici (i planning, gli strumenti di gestione, ecc.)
  2. gli aspetti relazionali-didattici (le regole condivise, le procedure per l’autonomia e la comunità, ecc.)
  3. gli aspetti metodologico-didattici

Le diverse modalità di aggregazione:

  1. il lavoro individuale
  2. la coppia
  3. la terna
  4. il piccolo gruppo
  5. il gruppo classe (sezione)
  6. il grande gruppo (commissioni, assemblea di scuola, consigli di classe con alunni, consigli dei ragazzi)
  7. i modi di formare i gruppi (di base, eterogenei, omogenei, elettivi, ecc.)

I modi di differenziazione dell’insegnamento:

  1. la rotazione
  2. la rotazione per le intelligenze
  3. la scelta nell’attività
  4. la scelta delle attività
  5. la divisione dei compiti per un progetto
  6. le stazioni per discipline
  7. le stazioni per il progetto
  8. gli ability groups
  9. le diverse abilità per un progetto
  10. il tutoring e rapporto tra novizi e anziani
  11. la peer review

La lezione frontale:

  1. i ritmi della lezione frontale
  2. la durata degli interventi
  3. la discussione, i turni, le alternative alla mano alzata

Il ruolo dell’insegnante:

  1. i vari ruoli: di fronte, a fianco, di lato, presenza/assenza
  2. il modello dell’artigiano, il lavoro con i modelli e i prototipi (far vedere, dimostrare, spiegare, usare gli esemplari, mettersi in gioco)
  3. la voce e la prossemica
  4. il modello drammaturgico

Comunicare e celebrare:

  1. la comunicazione e la presentazione delle l’attività della classe (prodotti, mostre, pannelli, cartelloni, make learning visible, seminari, conferenze)
  2. le celebrazioni, le feste e i riti

La classe digitale:

  1. l’uso del computer, del tablet e della LIM
  2. le opportunità del web 2.0: pubblicare, comunicare, documentare, ricercare, discutere e scambiare pratiche

Il Manuale della classe:

  1. il Manuale della classe e la sua costruzione.

 

 

PRIMO PASSO

SECONDO PASSO

TERZO PASSO

QUARTO PASSO  

QUINTO PASSO

 

top

CONTATTI

Istituto capofila della Rete Senza Zaino Istituto Comprensivo Statale "G. Mariti" Corso della Repubblica 125, 56043 Fauglia, Pisa Telefono 327-6316073 Email: senzazaino.scuola.comunita@gmail.com
X